martedì 23 marzo 2010

Tavernaro vs HDI 2 a 4

(nella foto sopra, Beppe DeLuca, nonostante la sua doppietta, il Tavernaro rimane ancora in zona "sabbie mobili"!!!)

Eccoci ad una nuova elettrizzante puntata della serie "Che panni vestiranno oggi i nostri assicuratori preferiti, quelli vincenti del pacato dott. Jekyll o quelli perdenti del fuori di testa Mr. Hyde?". L'episodio va in scena al "Palavela" di Trento, ospiti del Tavernaro di mister Beppe De Luca e di "pendolino" Renato Balestra. Nel giro di un minuto "argento vivo" Veizi si esibisce nel suo numero preferito, ovvero "tiro da tutte le posizioni con una viulenza incredibile", ma le conclusioni non portano a nulla: una viene deviata in angolo, le altre due finiscono a lato, ben distanti dai pali difesi da Garbari, capitano dei padroni di casa, per la gioia di mister Renier (vero mister? :P). Così al secondo minuto De Luca decide di far vedere come si tira in porta, con una pregevole girata di destro, precisa ma non potente, che beffa Molinari sotto le gambe, 1-0. L'HDI comincia a macinare gioco: al sesto bella azione Veizi-Santoni-Taborsky, con "furia ceca" che impegna severamente Garbari che mette in angolo; al settimo Veizi continua i suoi tentativi balistici senza esito, con mister Renier sempre più contento; al nono Santoni con un tocco destro-sinistro libera Magelli, che dal limite spara alto; all'undicesimo l'HDI pareggia con Santoni, che liberato sulla destra tira in diagonale, palla deviata da Luchin nella propria porta, nonostante il tentativo di Taborsky di appropriarsi del gol in scivolata, che gli costa una bella botta sul palo. Santoni, che mette la squadra in cima ad ogni cosa, rassicura subito la panchina dicendo che il gol è suo e non ci sono discussioni ehehehe. Al sedicesimo il Tavernaro, cinico come Messi quando decide di fare gol (e di prendere per il culo i poveri difensori avversari, ultima vittima il Real Saragozza) passa di nuovo in vantaggio: palla in banda di De Luca per Vivaldi, il quale chiude il triangolo liberando De Luca in piena area, che trafigge Molinari con un preciso piatto sinistro da pochi passi, con la difesa dell'HDI che nel frattempo stava giocando a 1-2-3 stella, 2-1. Al diciannovesimo ci prova Giovanelli, con un bel tiro da fuori deviato in angolo; al ventesimo tiro al volo di Colombo da sinistra di poco fuori e, pochi secondi dopo, l'HDI pareggia con "El Buitre" Andreazza, liberato da Giovanelli al limite dell'area, che di punta sinistra beffa Garbari con un preciso rasoterra, 2-2. Al ventitreesimo Tavernaro pericoloso con Di Cuonzo, tiro di poco a lato; al ventottesimo gli ospiti passano in vantaggio con Santoni, che in scivolata insacca sul secondo palo un grande assist di Corte in diagonale, 2-3.In pieno recupero, al trentaduesimo, l'HDI allunga ancora con Santoni, dopo una conclusione di Veizi contrastata dalla difesa del Tavernaro, palla che arriva al pivot ospite, il quale di piatto destro insacca, nonostante la deviazione di Garbari, 2-4 e fine primo tempo. Al primo minuto del secondo tempo Tavernaro che cerca di recuperare e parte molto forte, con De Luca che tira a lato un pallone servitogli da Valandro.Trenta secondi dopo e l'HDI colpisce una traversa con Santoni, che dopo un anno passato con Caruso nelle fila del Povoli Team pare voglia imitare le gesta del funambolo argentino.Santoni continua nel suo show, distribuendo assist con suolata ai compagni, agli spettatori e pure alle gnocche in tribuna, peccato che Taborsky in ben tre occasioni non riesca a far entrare il suo nome nel tabellino dei marcatori, complice anche un Garbari in versione extralusso. Al tredicesimo potrebbe accadere l'impossibile, ovvero un gol al volo di Andreazza dal limite servito da Giovanelli direttamente dal fallo laterale, pare che Lucifero abbia impedito che ciò accadesse, per evitare che nevicasse all'inferno. Al diciassettesimo Molinari, visto che i compagni si divertono a mangiarsi gol come Homer si diverte da Krusty Burger, ci prova dalla distanza, Garbari smanaccia in angolo. Andreazza un minuto dopo serve un assist al bacio per Giovanelli, il quale controlla male la palla e rimedia servendo Corte, che prova un pallonetto molto difficile (vista la condizione di Garbari), palla alta.Al diciannovesimo, sempre per la gioia di mister Renier, Veizi spreca un contropiede tre contro uno, tirando fuori invece di servire i compagni liberissimi ai lati.l'HDI continua a macinare gioco, ma spreca l'impossibile con i vari Taborsky, Santoni e Magelli (che colpisce pure una traversa), così il Tavernaro comincia a crederci e Molinari deve salvare di piede su un avversario che si era presentato solo nell'uno contro uno, oltre a farsi trovare pronto di fronte alle conclusioni dalla distanza dei padroni di casa. Al ventottesimo occasione d'oro per il Tavernaro, tiro libero: batte Luchin in modo rivedibile (per usare un eufemismo), palla a lato. Passano due minuti e ancora tiro libero: stavolta batte De Luca, con la solita rincorsa che parte dal parcheggio dell'area Zuffo, tiro centrale che Molinari respinge di piede. C'è ancora il tempo per vedere un altro gol incredibile mangiato dall'HDI (si vede che i ragazzi avevano fame), stavolta con Corte che nel recupero spreca a porta libera un assist di Santoni, nel prosieguo dell'azione Santoni ha due volte la palla per la quaterna personale, ma Garbari si supera in entrambe le occasioni; così incredibilmente il parziale del secondo tempo finisce a reti inviolate. Per l'HDI migliori in campo Santoni, Taborsky (anche se colpevolmente impreciso) e Magelli (ottimo nella costruzione del gioco, per la sua giovane età); per il Tavernaro Garbari e De Luca (solamente per i gol).
Salumi primaverili dal Vostro bandito n. 69

Nessun commento: